Lentiggini: cosa c’é da sapere

Oggi voglio parlarvi di una caratteristica fisica che, oggigiorno, affascina chi non ce l’ha, e a volte invece viene rifiutata da chi ce l’ha: le lentiggini.


Cosa sono le lentiggini e a cosa sono dovute? Le lentiggini sono delle piccole macchie scure che si presentano sulla pelle, in particolare sul viso, sulle braccia, sulla schiena e nella zona del petto. L’origine delle lentiggini é da ricondurre a un particolare fattore genetico ereditario che comporta un aumento di melanociti (cellule presenti nell’epidermide che in parte influiscono sul colore della pelle). Anche se provengono da unnfattore genetico, non compaiono subito dalla nascita, ma solo con il tempo, con l’esposizione graduale ai raggi del sole. Le lentiggini sono una caratteristica fisica riscontrabile maggiormente in persone con capelli rossi, o comunque in persone con una carnagione molto chiara, o con i capelli biondi.
Esiste un mito davvero affascinante, per quanto mi riguarda, sulle lentiggini. Si racconta che al principe di Atlantide, Idon, furono donati capelli rossi e lentiggini da parte degli dei affinché la gloria e la potenza di Atlantide non fossero mai dimenticate.
Fino a metá del secolo scorso chi aveva le lentiggini non era visto di buon occhio. Infatti nel Medioevo si credeva addirittura che le persone con questa caratteristica fisica fossero in qualche modo legate al male, al diavolo e al peccato. Con il progresso scientifico e la ricerca, si é arrivati a una nuova branca della medicina, la genetica, che ha permesso di riconoscere le lentiggini come fattore ereditario.
Come accennato all’inizio di questo articolo, “chi ha il pane non ha i denti, e chi ha i denti non ha il pane”, come l’eterna lotta tra le ricce e le lisce, chi ha le lentiggini non le vorrebbe, e chi non le ha invece le vorrebbe, e come!!! Ma vediamo insieme le argomentazioni di entrambe le parti. Partiamo col dire che spesso chi le ha teme i giudizi delle persone, puó sentirsi deriso da chi lo circonda, ma in questo caso non c’è niente di cui farsene una colpa, anzi é solo una marcia in piú, appunto perché tutti le vorrebbero! In ogni caso, le lentiggini richiedono una cura particolare e attenta, ovvero una maggiore protezione dai raggi solari, cioè una SFP50+, per ridurre rischi di melanoma. Anche con il fondotinta c'è da stare attenti, per non coprirle del tutto é meglio utilizzare una bb cream che non sia molto coprente, invece se si vuole nasconderle é bene utilizzare un correttore ad alta coprenza e lo stesso per il fondotinta. Ma come c’é la persona che le copre, cosí c’é chi le crea artificialmente sul proprio volto, moda esplosa negli ultimi anni nel campo make-up. Le lentiggini in base alle caratteristiche del volto possono donare dolcezza, sensualitá e furbizia. Ne sono un esempio volti noti come: Pippi Calzelunghe, il personaggio dell’omonima serie tv, esuberante e un po’ pazzerella, con quegli occhietti furbi, due trecce rosse e lentiggini, non poteva esistere volto migliore per rappresentarla; Vanessa Incontrada, occhi da cerbiatta, una distesa di lentiggini, in poche parole un’esplosione di dolcezza e simpatia. Potrei andare avanti a parlarvi di personaggi famosi che con le loro lentiggini hanno spopolato sul piccolo e grande schermo, ma non vorrei annoiarvi troppo.
Con il make-up si possono realizzare tante cose, tra cui anche le lentiggini. É sufficiente avere una matita marrone, per occhi o per sopracciglia, o meglio diverse matite di diversi marroni, per ricreare un look piú naturale; oppure utilizzare degli ombretti marroni in crema e un pennellino molto sottile. Se invece si vuole un effetto piú duraturo nel tempo é consigliabile l’henné, o ancora piú estremo, tatuarle.

Giulia DECARO