SOS smagliature: cosa fare per combatterle

Le smagliature, dopo la cellulite, sono il secondo incubo delle donne.
Chiamate in termine medico “striae distensae” o “strie atrofiche” sono un’alterazione della superficie cutanea legata alla perdita di elasticità del derma e assomigliano spesso a vere e proprie cicatrici.



Esse si formano quando la pelle è sottoposta a rapida distensione per un aumento o una diminuzione di peso, quindi nella pubertà, in gravidanza, nel post-partum, in seguito ad intensa attività fisica, per terapie anabolizzanti o cortisoniche prolungate. In tutti questi casi le rotture delle fibre elastiche determina questi odiosi avvallamenti sulla superficie cutanea che all’inizio sono rossastri e quindi infiammati (strie rubrae) e successivamente diventano biancastri (striae albae) come delle cicatrici, che quindi sono particolarmente evidenti quando la pelle è più scura.


E’ vero che alla formazione delle smagliature giocano fattori genetici individuali su cui non possiamo intervenire, ma è altrettanto vero che una pelle ben nutrita e sane abitudini di vita concorrono a proteggerla o, eventualmente a limitare i danni. Pertanto una sana alimentazione ricca di vitamine e sali minerali, una buona idratazione della pelle massaggi periodici e l’abolizione di fumo e alcool, insieme con una giudiziosa esposizione alla luce solare sono i parametri sui quali noi possiamo intervenire per la prevenzione.
Qualora, malauguratamente, comparissero le striae rubrae che rappresentano la prima fase delle smagliature (quella ancora suscettibile di regressione totale o parziale) occorre intervenire con oli (di cocco, di mandorle, di calendula, di aloe ecc) o creme (di centella, collagene, vitamine C, D ed E , retinoidi, ecc) o prodotti di ultima generazione come il Trilastin, che agiscono favorendo l’idratazione, la rigenerazione delle cellule e infine l’aumento del collagene rendendo la pelle più elastica.
Queste creme non hanno costi eccessivi e garantiscono la regressione quasi totale di questi inestetismi in poche settimane.
Quando le smagliature acquisiscono i caratteri di striae albae sono più tenaci da eliminare perché il processo cicatriziale ormai ha determinato danni irreversibili pertanto bisogna intervenire in maniera più decisa e affidarsi a trattamenti quali microdermoabrasione, mesoterapia ad aminoacidi (funziona meglio nelle smagliature rosse), trattamenti laser o filler di riempimento fino ad arrivare a tecniche di microchirurgia estetica.
Prendersi cura di sé, del proprio corpo, richiede impegno e costanza ma senza dubbio la pelle parla di noi, della nostra storia e del nostro essere ci mette in contatto col mondo esterno e attraverso di essa trasmettiamo e percepiamo emozioni e sensazioni. Una donna che non si prende cura della sua pelle non potrà mai sfoderare a pieno le armi della propria femminilità.
La prevenzione delle smagliature è fondamentale, ma se dovessimo trovarci di fronte a questo problema niente panico: se ce ne prendiamo subito cura possiamo eliminare il problema!


Scritto da AleDale